logo-rete.jpg

 

Incendio Umberto I, Codici: la direzione dell’ospedale faccia chiarezza sull’accaduto

I dipendenti del Policlinico improvvisano una sala caffè e mandano a fuoco il locale

 
“Se all’Umberto I – commenta il Segretario Nazionale di Codici, Ivano Giacomelli - dobbiamo tirare un sospiro di sollievo perché nessuno, fra operatori e pazienti, è rimasto ferito nell’incendio appiccato per colpa di una piastra elettrica incustodita, siamo veramente alla frutta”.

“La Direzione del Policlinico e la Regione assicurano che la situazione è tornata alla normalità? Bene – afferma Giacomelli – ma dovrebbero allo stesso tempo individuare i responsabili del grave incidente e dare garanzie che l’episodio non si replichi in altri reparti”.

“Fare ricorso a giustificazioni campate in aria, come la carenza di fondi per allestire delle vere sale ristoro – continua il Segretario di Codici – offende chi al Policlinico lavora con serietà e tutti i pazienti che si rivolgono alla stuttura per ricevere assistenza sanitaria”.   



Roma, 16 settembre 2014
 
Leggi tutto...

Messina, scene indecenti in Ospedale

Osservatorio Codici Sicilia “Da Paziente ad Im-paziente” monitora la situazione sanitaria della Regione

Scoppia lo scandalo presso il Policlinico di Messina a seguito di una denuncia fatta dalla moglie di un paziente ricoverato presso il reparto di rianimazione e dopo alcuni giorni deceduto. L'uomo durante il ricovero era stato trovato con delle larve all'interno del naso. Altri moscerini si aggiravano all'interno di una sala dove si trovavano altri pazienti. Si tratta di un caso di gravità inconcepibile: il paziente era stato abbandonato anche nella semplice assistenza dell'igiene del corpo e si sono verificate pessime condizioni di pulizia nella sala. Dopo la denuncia sono intervenuti i carabinieri Nas in servizio presso la Commissione d'inchiesta sul Servizio sanitario Nazionale e adesso si attendono i risultati. Codici Sicilia nell'ambito del progetto “Da Paziente ad Impaziente” attraverso la realizzazione dell'Osservatorio si sta occupando del monitoraggio della qualità del servizio sanitario siciliano nella sua complessità. Questi eventi che avvengono negli ospedali della regione ovviamente lasciano stupiti, scoraggiati e ancor di più delusi. Nell'attesa di conoscere i risultati del controllo igienico sanitario nel reparto in questione, Codici invita i cittadini a denunciare al proprio sportello sito in via Resuttana n.352 – Palermo, casi simili a questo poiché tali situazioni sono intollerabili per la salute delle persone e per la dignità umana.

Leggi tutto...

Albano, caso di malasanità. Codici invia un esposto alla Procura della Repubblica affinché si indaghi sui protocolli di assistenza infermieristica

L'Associazione CODICI ha presentato un esposto alla Procura della Repubblica di Roma, chiedendo di fare chiarezza sull’ennesimo probabile caso di malasanità.
In data 27 novembre 2006, la Sig.ra M. veniva ricoverata presso il reparto di Cardiologia dell’ospedale di Albano Laziale con la diagnosi di edema polmonare. Durante il periodo di ricovero la paziente è caduta dal letto riportando la frattura del femore destro. L’ortopedico ha, pertanto, consigliato la trazione a letto per 30 giorni con divieto assoluto di carico e successiva rivalutazione. La paziente verrà poi dimessa in data 14/12/2006 con la diagnosi di “cardiopatia ischemica e frattura sottocapitata del femore destro”.
CODICI decide di interessarsi al caso, in quanto ciò che è accaduto rappresenta, potenzialmente, un episodio di elevata drammaticità, perché incide direttamente sulla salute dei cittadini e grava sul corretto svolgimento dell’erogazione di un servizio importante per la tutela degli utenti del Servizio Sanitario.
In riferimento a quanto accaduto, l’Associazione chiede alla Procura della Repubblica di Roma di aprire un’indagine su una situazione non sufficientemente chiara, visto che ancora non è stato accertato se l’Ospedale abbia applicato correttamente i protocolli per la raccolta dati e per l’identificazione dei bisogni di assistenza infermieristica (BAI).
“La situazione appena descritta – dichiara Ivano Giacomelli, Segretario Nazionale Codici – richiede un intervento celere ed efficace per accertare se le funzioni del Servizio Sanitario siano effettivamente svolte in maniera corretta. Quando in gioco c’è la tutela della salute dei cittadini non ci sono scusanti per non agire: la questione della responsabilità dei medici deve essere al più presto accertata”.

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS