Indignamoci!

Odiosa voce per la salute pubblica: gli errori in corsia

Dallo scambio dei farmaci agli errori negli interventi chirurgici, con una media di circa 40 denuncie al giorno e oltre 15.000 l’anno (26.000 solo nel 2006)  l’Italia si trova ad affrontare uno dei più grandi problemi della sanità, considerando che ben oltre il 70 % di questi episodi potrebbero essere evitati con una adeguata attenzione e corretta organizzazione dei servizi.

Il cittadino paga già questa disastrosa situazione  sulla propria pelle e con le tasse che finanziano il DISServizio Sanitario Nazionale, ora ci vogliono togliere anche la dignità.

I nostri politici ed amministratori, non contenti di essere responsabili di questa disastrosa situazione e non paghi di questa assoluta vergogna, inchinandosi al potere delle lobbies, hanno pensato di risolvere il problema alla radice: con diversi atti e proposte di legge parlamentari , in maniera assolutamente bipartisan, si stà pensando semplicemente di cancellare la responsabilità dei sanitari e tutto nell’assoluto silenziosa vergogna . E ne hanno ben ragione perché c’è solo da vergognarsi a proporre cose simili .

Attualmente in Commissione Sanità al Senato ci sono queste proposte di legge:

dalla proposta dei senatori Marino, Bassoli;Bianchi, Bosone, Chiaromonte, Cosentino, Di Girolamo Gustavino e Poretti (PD)

Art. 2 La responsabilità civile per danni causate dal personale sanitario medico e non medico, è sempre a carico della struttura stessa.

Art. 3. La struttura sanitaria puo` avviare azione disciplinare contro i dipendenti responsabili del danno qualora il fatto sia stato commesso con dolo o colpa grave. Solo in caso di dolo può essere avviata azione di rivalsa nei confronti dei sanitari responsabili.

Dalla proposta del senatore Tomassini  ( PDL)
Art. 1 – La responsabilità civile per danni a persone causate dal personale sanitario medico e non medico, occorsi in una struttura ospedaliera pubblica o privata è sempre a carico della struttura stessa.

Dalla proposta del senatore Gasparri (PDL)
Art. 2 – Le aziende ospedaliere e universitarie , le aziende sanitarie locali , (ecc ) sono responsabili dei danni arrecati ai pazienti, o da questi comunque subiti nel corso dell’erogazione dei servizi sanitari, a meno che non dimostrino di aver adottato tutte le misure idonee ad evitarli. Avete capito bene! medici ed infermieri non risponderanno più dei danni che causano ai pazienti in conseguenza di imprudenza, imperizia e negligenza, neanche dal punto di vista disciplinare.

Queste proposte di legge vogliono escludere la responsabilità anche per colpa grave. INDIGNIAMOCI ! Invitiamo tutti i cittadini ad inviare questa comunicazione al Presidente della Commissione Sanità del Senato, ai Senatori, al Ministro della Sanità. Non sottovalutate la cosa, perché vogliono farla veramente una simile offensiva legge.

INDIGNAMOCI!