Errore
  • JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 65

logo-rete.jpg

 

Comunicati Stampa

Carburanti, la tregua regge ancora

Carburanti, la tregua regge ancora

Malgrado margini deboli. Benzina con punte di 1,68 €/l, diesel oltre 1,53.

Ancora un giorno di tregua sulla rete carburanti malgrado il nuovo passo indietro dell’euro nei confronti del dollaro abbia sostanzialmente annullato la discesa delle quotazioni internazionali di benzina e diesel, lasciando così i margini lordi delle compagnie (da non confondere con i profitti in quanto comprensivi anche dei costi di filiera, tra cui la remunerazione del gestore, i costi di distribuzione e la commercializzazione) su livelli inferiori alla media dei tre anni precedenti.

Sul territorio i prezzi praticati appaiono sostanzialmente stabili, con piccoli assestamenti in alcune macro-aree. La verde si conferma attorno a 1,63 euro/litro nella media nazionale (il picco massimo al Sud è di circa 1,68 euro/litro), mentre il gasolio oltre 1,5 euro/litro, con punte superiori a 1,53 euro/litro. È quanto emerge dal monitoraggio di quotidianoenergia.it in un campione di stazioni di servizio rappresentativo della situazione nazionale per la rubrica Check-Up Prezzi QE.
A livello Paese, il prezzo medio praticato della benzina (in modalità servito) va oggi dall’1,626 euro/litro degli impianti Eni all’1,633 euro/litro di quelli Tamoil (no-logo a 1,544). Per il diesel si passa dall’1,501 euro/litro dei punti vendita Esso all’1,509 euro/litro degli impianti IP (le no-logo a 1,416 euro/litro). Il Gpl, infine, si posiziona tra lo 0,729 euro/litro di Eni allo 0,744 di Shell (no-logo a 0,717 euro/litro).
Per visionare i valori minimi e massimi dei prezzi medi nazionali, lo spaccato della situazione nelle 4 macro-aree del Paese e utilizzare la funzione dei grafici interattivi per confronti e analisi personalizzate (temporale, macro-zone e compagnie) occorre accedere a Check-Up Prezzi QE. Il servizio è disponibile in abbonamento, consultandone le condizioni sul sito.

Leggi tutto...
Carburanti, le no-logo invertono il trend. Giù su benzina e diesel. Q8 ritocca al rialzo.

Carburanti, le no-logo invertono il trend. Giù su benzina e diesel. Q8 ritocca al rialzo.

Si va esaurendo la lunga scia rialzista che ha interessato la rete carburanti nell’ultima settimana. Questa mattina, infatti, si registra soltanto un ritocco all’insù per benzina e diesel di 0,5 centesimi da parte di Q8. Ferme tutte le altre compagnie. Sul territorio i prezzi praticati risentono degli aumenti dei giorni scorsi e mostrano un tendenziale allineamento verso l’alto, con punte massime di 1,675 euro/litro per la verde e di 1,532 euro/litro per il gasolio. Le no-logo, dal canto loro, invertono il trend e mostrano un ribasso di oltre 0,5 centesimi su entrambi i prodotti, coerentemente con la flessione delle quotazioni internazionali. È quanto emerge dal monitoraggio di quotidianoenergia.it in un campione di stazioni di servizio rappresentativo della situazione nazionale per la rubrica Check-Up Prezzi QE.
A livello Paese, il prezzo medio praticato della benzina (in modalità servito) va oggi dall’1,624 euro/litro degli impianti Esso all’1,631 euro/litro di quelli IP (no-logo a 1,536). Per il diesel si passa dall’1,499 euro/litro dei punti vendita Esso all’1,507 euro/litro degli impianti IP (le no-logo a 1,413 euro/litro). Il Gpl, infine, si posiziona tra lo 0,730 euro/litro di Eni allo 0,745 di Shell (no-logo a 0,717 euro/litro).
Per visionare i valori minimi e massimi dei prezzi medi nazionali, lo spaccato della situazione nelle 4 macro-aree del Paese e utilizzare la funzione dei grafici interattivi per confronti e analisi personalizzate (temporale, macro-zone e compagnie) occorre accedere a Check-Up Prezzi QE. Il servizio è disponibile in abbonamento, consultandone le condizioni sul sito.

carb

Leggi tutto...
Tour dei Diritti - CODICI in tutte le piazze italiane. Le date

Tour dei Diritti - CODICI in tutte le piazze italiane. Le date

Codici nelle piazze italiane risponderà alle domande dei cittadini, e darà utili consigli sulle tematiche del credito al consumo.

Ecco le tappe del Tour dei Diritti:

Frosinone,    Largo Turiziani, il 15.07.2011 dalle 9:30 alle 13:30;
Priverno,      Via G.Matteotti (area mercato), il 20.07.2011 dalle 9:00 alle 12:00;
Milano,         Via Vespri Siciliani, il 20.07.2011 dalle 10:00 alle 13:00;
Capranica,   Parco OkaPoint, il 22.07.2011 dalle 10:00alle 13:00;
Pescara,      Piazza della Rinascita, il 22.07.2011 dalle 16:00 alle 20:00;
Como,          Piazza Torre, il 26.07.2011 dalle 10:00 alle 13:00;
Palermo,     Via Generale Magliocco ang. Via Ruggero Settimo, il 27.07.2011 dalle 16:00 alle 20:00
Bologna,     Via dell’Indipendenza, il 27.07.2011 dalle 10:00 alle 13:00;
Napoli,        Via Toledo ang. Ponte di Tappia, il 28.07.2011 dalle ore 10:00 alle ore 18;00;
Taranto,      Via Campania 63, il 28.07.2011 dalle 9:00 alle 11:00;
Catanzaro   Lungomare Catanzaro, il 31.07.2011 dalle 19:00 alle  22:00

Vai al comunicato

Codici nelle piazze italiane risponderà alle domande dei cittadini, e darà utili consigli sulle tematiche del credito al consumo
Leggi tutto...
Aeroporti di Roma

Aeroporti di Roma

Nell’ottica di un’informazione sempre più trasparente ed efficace al passeggero associazione Codici è stata inserita  nella sezione “Numeri utili” della Carta dei Servizi Aeroporti di Roma 2011.

Leggi tutto...
RCA - come sceglierla

RCA - come sceglierla

La legge nazionale
L'obbligo di assicurare l'auto per i danni causati ad altri durante la circolazione è stato introdotto in Italia nel 1969 dalla legge numero 990, che cita: “I veicoli a motore senza guida di rotaie, compresi i filoveicoli e i rimorchi, non possono essere posti in circolazionesu strade di uso pubblico o su aree a queste equiparate se non siano coperti, secondo le disposizioni della presente legge, dall'assicurazione per la Responsabilità Civile verso i terzi...”. [Legge n. 990/1969, art. 1]...Continua a leggere

Leggi tutto...
Più tutela ai consumatori, dal 21 giugno è entrato in vigore il Codice del Turismo

Più tutela ai consumatori, dal 21 giugno è entrato in vigore il Codice del Turismo

Il Codice del Turismo è entrato in vigore il 21 giugno 2011 per stimolare lo sviluppo del settore turistico e dare maggiore tutela ai consumatori.
Il riordino della normativa statale in materia di turismo, proposto dai ministri del Turismo, dello Sviluppo economico e per la Semplificazione normativa aveva già avuto una prima approvazione nel 2010.
Tra le novità, ci sono la rielaborazione del concetto di impresa turistica per includervi, oltre alle agenzie di viaggio e ai tour operator, tutte quelle imprese che esercitano attività economiche volte alla produzione e commercializzazione di servizi per soddisfare le esigenze del turista, tra cui imprese di ristorazione, gli stabilimenti balneari, i parchi divertimento, le imprese di intrattenimento, ballo e spettacolo.

Leggi tutto...
Carburanti, assestamenti al rialzo

Carburanti, assestamenti al rialzo

IP interviene sul diesel. Prezzi praticati in generale salita.
Ancora segnali al rialzo sulla rete carburanti. A muovere i prezzi raccomandati è stata oggi IP intervenendo con +0,7 centesimi sul diesel. E continuano quindi a salire, seppure leggermente, i prezzi praticati sul territorio in particolare della benzina che tocca nuove punte massime (1,652 euro/litro nella macro-area Sud). In lieve rialzo anche le no-logo. È quanto emerge dal monitoraggio di quotidianoenergia.it in un campione di stazioni di servizio rappresentativo della situazione nazionale per la rubrica Check-Up Prezzi QE.
A livello Paese, il prezzo medio praticato della verde (in modalità servito) risulta tra l’1,591 euro/litro degli impianti Esso all’1,597 euro/litro dei punti vendita Shell (no-logo a 1,508).
Per il diesel il prezzo medio praticato nazionale passa dall’1,467 euro/litro dei punti vendita Eni all’1,480 euro/litro degli impianti Shell (no-logo a 1,386 euro/litro).
Il Gpl, infine, si posiziona tra lo 0,737 euro/litro dei punti vendita Eni allo 0,752 degli impianti Tamoil (a 0,726 euro/litro le no-logo).

Leggi tutto...
Carburanti, segnali contrastanti sulla rete Movimenti delle compagnie ancora non giustificati dall’abbondanza dei margini lordi.

Carburanti, segnali contrastanti sulla rete Movimenti delle compagnie ancora non giustificati dall’abbondanza dei margini lordi.

Segnali contrastanti sulla rete carburanti. Questa mattina, infatti, TotalErg ha tagliato di 0,3 centesimi i prezzi raccomandati di benzina e diesel, mentre IP, che ieri aveva ribassato il diesel, ha scelto di incrementare di 0,6 centesimi la sola verde. Movimenti che appaiono ancora una volta ingiustificati (sia nel caso dei rialzi che dei poco consistenti ritocchi al ribasso) dalla persistenza di margini lordi (da non confondere con i profitti in quanto comprensivi anche dei costi di filiera, tra cui la remunerazione del gestore, i costi distribuzione e la commercializzazione) su livelli assolutamente “comodi” da più di un mese.
Sul territorio le punte massime si confermano sostanzialmente invariate a 1,643 euro/litro per la benzina e a 1,508 euro/litro per il diesel. Da segnalare che non sono stati ancora recepiti gli aumenti decisi ieri da Eni. Per quanto riguarda le altre compagnie si registra un riposizionamento di Esso all’ingiù e di Shell all’insù, mentre Tamoil si conferma competitiva. Le no-logo, più sensibili alle dinamiche dei mercati internazionali, mostrano una salita generalizzata. È quanto emerge dal monitoraggio di quotidianoenergia.it in un campione di stazioni di servizio rappresentativo della situazione nazionale per la rubrica Check-Up Prezzi QE.
A livello Paese, il prezzo medio praticato della benzina (in modalità servito) risulta tra l’1,587 euro/litro degli impianti Tamoil all’1,597 euro/litro dei punti vendita Shell (no-logo a 1,507). Per il diesel il prezzo medio praticato nazionale passa dall’1,468 euro/litro dei punti vendita Eni, IP e TotalErg all’1,482 euro/litro degli impianti Shell (no-logo a 1,382 euro/litro). Il Gpl, infine, si posiziona tra lo 0,738 euro/litro dei punti vendita Eni allo 0,753 degli impianti Tamoil (a 0,727 euro/litro le no-logo).

Leggi tutto...
Carburanti: sorpresa…tagli possibili Gli attuali margini avrebbero potuto contenere il caro-accise.

Carburanti: sorpresa…tagli possibili Gli attuali margini avrebbero potuto contenere il caro-accise.

Torna la quiete sulla rete carburanti dopo la fuga in avanti di ieri dei prezzi raccomandati in conseguenza del rincaro delle accise di 4 centesimi/litro su benzina e diesel deciso dal Governo per fronteggiare l’emergenza immigrati (QE 28/6). In attesa del nuovo micro-aggiustamento della fiscalità sui carburanti previsto per domani (+0,19 centesimi/litro per finanziare Fus, cinema e interventi culturali vari), le compagnie hanno deciso di restare ferme. Ciò malgrado l’impennata delle quotazioni internazionali dei due prodotti (alla chiusura di ieri rispettivamente +38 $/ton e +31,25 $/ton a 1.1015,75 e 964 $/ton) non abbia intaccato, se non in minima parte, i floridi margini lordi (da non confondere con i profitti in quanto comprensivi anche dei costi di filiera, tra cui la remunerazione del gestore, i costi distribuzione e la commercializzazione) di cui beneficiano le petrolifere dall’inizio di giugno.
Sul territorio si registrano piccoli aggiustamenti al rialzo, anche se non mancano dei ritocchi all’ingiù, e una consistente salita delle no-logo. È quanto emerge dal monitoraggio di quotidianoenergia.it in un campione di stazioni di servizio rappresentativo della situazione nazionale per Check-Up Prezzi QE.
A livello Paese, la media per la benzina (in modalità servito) va dall’1,576 €/l degli impianti Esso all’1,589 €/l dei punti vendita Shell (no-logo a 1,494). Per il diesel si passa dall’1,457 €/l delle stazioni di servizio Eni ed Esso all’1,474 €/l degli impianti Shell (no-logo a 1,369). Il Gpl si posiziona tra lo 0,738 €/l dei punti vendita Eni allo 0,755 degli impianti IP e Shell (a 0,727 le no-logo).
Per visionare i valori minimi e massimi dei prezzi medi nazionali, lo spaccato della situazione nelle 4 macro-aree del Paese e utilizzare la funzione dei grafici interattivi per confronti e analisi personalizzate (temporale, macro-zone e compagnie) occorre accedere a Check-Up Prezzi QE. Il servizio è disponibile in abbonamento, consultandone le condizioni sul sito.

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS