logo-rete.jpg

 

Buoni fruttiferi postali, altre vittorie per il Codici

Nuove vittorie per l'Associazione Codici contro Poste Italiane nell'ormai annosa questione dei buoni postali Serie P/Q emessi successivamente al 13/06/1986 recanti un timbro che uniformava gli interessi della serie P a quelli di molto inferiori della serie Q. 

Tre consumatori di Coreno Ausonio (FR) e due di Veroli (FR) si sono rivolti all'Associazione Codici e, assistiti dall'avvocato Giammarco Florenzani, Segretario Provinciale di Frosinone, hanno ottenuto il riconoscimento da parte dell'Arbitro Bancario Finanziario di Roma dei maggiori interessi della serie P dal ventesimo al trentesimo anno, poichè il timbro apposto al tempo dagli uffici postali non copriva gli interessi dell'ultima decade. 

Le cifre riconosciute dall'Abf di Roma sono significative visto che vanno a seconda dei casi dai 20.000 euro di maggiori interessi riconosciuti fino a 40.000 euro di maggiori interessi riconosciuti. 

"Siamo felici di aver ottenuto l'ennesimo riconoscimento da parte dell'Abf - dichiara l'avvocato Giammarco Florenzani - attendiamo che finalmente Poste Italiane si uniformi all'ormai concorde giurisprudenza ed eviti ulteriori controversie in materia. Intanto invitiamo tutti i consumatori che hanno questi buoni con apposto il timbro serie P/Q o che hanno ritirato già buoni postali di questo tipo, ad effettuare un controllo maggiore poichè i maggiori interessi riconosciuti non sono certamente di bassa entità ma nella maggiore delle ipotesi superano i 5.000 euro".

Occorre essere registrati per poter commentare