logo-rete.jpg

 

Caos rifiuti Roma, azione per rimborso Tari

I cittadini e le imprese hanno diritto alla riduzione della Tari.

È quanto sostiene l'Associazione Codici, che interviene sull'emergenza rifiuti che sta colpendo Roma e che si è arricchita di un nuovo capitolo con la maxi inchiesta aperta dalla Procura e per la quale Codici si costituirà parte civile.

Non c'è quartiere che non sia invaso dai sacchetti dell'immondizia, che circondano i cassonetti creando cumuli nauseabondi e pericolosi per la salute, tristemente diventati l'ultima attrazione dei turisti, che li fotografano increduli.

"Siamo arrivati al punto – dichiara il Segretario Nazionale di Codici Ivano Giacomelli – che i pediatri invitano a tenere lontani i bambini dal fetore dei cassonetti, mentre i medici di famiglia registrano un aumento del 30% dei pazienti in ambulatorio, soprattutto over 65 con patologie croniche, a causa del mix micidiale tra caldo e puzza".

Mentre sui social si moltiplicano le segnalazioni dei cittadini con tanto di foto a testimoniare l'indecenza della situazione e mentre dal Campidoglio arriva un'apertura ai rimborsi, l'Associazione Codici ha deciso di farsi carico delle proteste dei romani.

"Proprio in questi giorni sta arrivando la Tari – afferma l'Avvocato di Codici Marcello Padovani – una beffa, un affronto per i cittadini e per le imprese, che devono pagare una tassa per un servizio che in realtà è un disservizio enorme. I romani hanno diritto alla riduzione della tariffa, lo stabilisce la legge e lo ribadisce anche una sentenza della Cassazione".

Chi vuole unirsi all'azione intrapresa dall'Associazione Codici può contattare il numero 06.5571996 oppure l'indirizzo email segreteria_nazionale@codici.org per ricevere tutte le informazioni necessarie per la richiesta dello sconto sulla Tari.

Occorre essere registrati per poter commentare