logo-rete.jpg

 

Call Center Anti Truffa: attenzione!!!

Diffidate dagli operatori telefonici che dicono di aver smarrito i vostri dati o che dichiarano di voler rettificare fatture telefonicamente!

Da settembre abbiamo registrato un impennata esponenziale delle truffe riguardanti l’energia elettrica ed il gas. 

Funziona così: un operatore di call center telefona al malcapitato utente spacciandosi incaricato per conto di A2A di Milano, e dichiara che purtroppo c’è stato un problema tecnico per il quale hanno perso tutti i dati anagrafici dei clienti e se cortesemente possano fornirli nuovamente. Oppure c’è stata un anomalia sulle ultime bollette chiede di verificare alcuni dati per rettificare queste bollette.

Fiducioso che sia la propria azienda a contattarlo, il cliente fornisce questi dati, ma purtroppo non era A2A al telefono. Infatti dopo pochi giorni arriva per posta un bel contrattino già perfezionato di un altro fornitore di energia.

“Sono centinaia ormai i casi simili, stiamo parlando di un comportamento davvero subdolo che comporta non pochi disagi per i cittadini che cadono vittima di questa truffa. Si perché alcuni, dopo le insistenti domande degli operatori capiscono che c’è qualcosa che non va e chiudono la telefonata. Così facendo però non riusciamo a risalire all’azienda che ha fatto questo tipo di pratica commerciale scorretta e quindi far valere nei termini previsti il diritto di ripensamento. Qui arriva una questione spinosa che il nuovo decreto di giugno non ha sanato. Il momento in cui partono i giorni per far valere il diritto di ripensamento. Si potrebbe fare giurisprudenza in merito” dice il Segretario Regionale Codici Lombardia Davide Zanon “non può ritenersi valido un contratto ottenuto con l’inganno (oltretutto non firmato) fatto sottoscrivere durante una telefonata. Parliamo di mercati complicati come quello dell’energia elettrica ed il gas. Sfido chiunque a riuscire a valutare in pochi minuti la convenienza o meno dell’offerta proposta tramite telefono. E’ impossibile! Noi dal canto nostro continueremo a tutelare tutti i cittadini che si rivolgeranno a noi e di fare tutto quanto è nelle nostre possibilità, ma qualcuno che ha potere decisionale (vedi AGCM) deve intervenire!“ conclude.

CODICI LOMBARDIA invita tutti coloro che sono vittime di episodi analoghi a contattarci al numero verde 800 912 760.

 

 

Occorre essere registrati per poter commentare